SBOCCHI OCCUPAZIONALI

I laureati della classe svolgeranno attività professionali nel campo dell’educazione motoria e sportiva nelle strutture pubbliche e private, nelle organizzazione sportive e dell’associazionismo ricreativo e sociale, nel campo del turismo sportivo e delle attività economiche correlate allo sport.

Il corso prepara alla professione di:

  • Istruttori di discipline sportive non agonistiche;
  • Organizzatori di eventi e di strutture sportive;
  • Osservatori sportivi;
  • Allenatori e tecnici sportivi.

 

ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

Le attività formative (insegnamenti, laboratori, prova finale) sono misurate in crediti che documentano l’impegno dello studente nello svolgimento dell’attività stessa. Ogni credito corrisponde a 25 ore di impegno complessivo. Il sistema dei crediti è stato introdotto sia per facilitare la mobilità degli studenti tra i diversi atenei, anche stranieri, sia per permettere di riconoscere attività formative, ad esempio gli stages, che non rientrano nell’usuale schema (lezioni) + (esame finale). L’introduzione dei crediti non ha però comportato la sparizione dei voti che, quindi, continuano ad essere assegnati come misura, non solo del lavoro svolto, ma anche della qualità dell’apprendimento raggiunto. Seguendo la tradizione universitaria, i voti degli esami sono espressi in trentesimi, mentre il voto finale di laurea è espresso in centodecesimi e lode. Nel piano delle attività formative è indicato il numero dei crediti attribuiti ad ogni singola attività.

DURATA DEL CORSO

La durata del Corso di Laurea è di tre anni per un totale di 180 crediti

CARATTERISTICHE DELLA PROVA FINALE

La prova finale consiste nella predisposizione e nella discussione di un elaborato, preparato dallo studente con l’ausilio di uno o più docenti, avente ad oggetto l’approfondimento anche tramite una ricerca empirica, di problematiche affrontate nel percorso formativo triennale, in diretto collegamento con uno o più moduli del percorso, tendenzialmente in un’ottica interdisciplinare. Ai fini della valutazione finale la commissione dovrà accertare la capacità di selezionare e di utilizzare i diversi quadri teorici e gli strumenti di analisi acquisiti durante il percorso formativo. Tale impostazione, ad avviso dell’Ateneo, garantisce alla prova finale il ruolo di importante occasione formativa richiamato dai DD.MM., pur in presenza di una limitata assegnazione dei CFU.

CONOSCENZE E ABILITA’ RICHIESTE PER L’ACCESSO ( art.6 dm 270/2004)

Per accedere al Corso di Laurea è necessario disporre di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo. Il riconoscimento dell’idoneità dei titoli di studio conseguiti all’estero ai soli fini dell’ammissione a corsi di studio è deliberata dall’Università, nel rispetto degli accordi internazionali vigenti. Le modalità di verifica delle conoscenze richieste per l’accesso saranno definite nel Regolamento didattico del corso di studi in cui verranno altresì individuati anche gli eventuali obblighi formativi aggiuntivi nel caso in cui la verifica non sia positiva.

Richiedi una consulenza gratuita!

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Note